Giovani Imprenditori Cooperativi di Confcooperative

  • Stampa

Il gruppo Giovani Imprenditori Cooperativi di Confcooperative è costituito dagli imprenditori e dai dirigenti under 35 individuati dalle Confcooperative Regionali, dalle Federazioni Nazionali e dagli organismi con analoghe finalità promossi dalle strutture territoriali confederali. Vengono quindi compresi i Presidenti, gli Amministratori Delegati, gli Amministratori Unici e i membri dei CdA under 35.

Contatti:

Segreteria Generale

Tel.: 06/680001 - 06/68000342

E-Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Missione e valori

Il gruppo dei Giovani Imprenditori Cooperativi di Confcooperative intende offrire a giovani imprenditori e dirigenti cooperativi uno spazio comune di confronto e di azione.

Tra gli obiettivi del gruppo:

  • il rafforzamento del ruolo dei nuovi cooperatori all’interno del movimento cooperativo italiano, di Confcooperative e delle singole cooperative aderenti;
  • la creazione di opportunità di crescita umana e professionale per i giovani cooperatori e cooperatrici;
  • la diffusione e lo sviluppo della forma cooperativa come strumento adeguato a promuovere l’aggregazione giovanile a livello imprenditoriale, in particolare in settori come il welfare, la green economy e le nuove “professioni della conoscenza” (digitale, design, architettura, artigianato evoluto, creatività, cultura e turismo).

Sul fronte della legalità:

  • in collaborazione con Libera, Confcooperative ha avviato percorsi formativi centrati su legalità e recupero beni confiscati per dirigenti cooperativi in alcune regioni d’Italia;
  • con il fondo mutualistico di Confcooperative, Fondosviluppo, sono state attivate modalità di sostegno allo start-up cooperativo di imprese che utilizzano beni confiscati alla mafia;
  • tramite l’Accordo Confcooperative - Libera, firmato il 13 dicembre 2012, ci si è impegnati a realizzare progetti educativi per diffondere la cultura della legalità ed iniziative comuni per far conoscere ai giovani e all'associazionismo la possibilità di poter utilizzare i beni confiscati.